Come conservare vini e liquori

Come conservare vini e liquori

Come conservare vini e liquori

Avete acquistato la vostra bellissima bottiglia di liquore e ora vi state chiedendo quale sia il metodo più corretto per conservarla al meglio. Niente paura, siete capitati nell’articolo giusto. Oggi parleremo della metodologia più corretta per la conservazione dei vini e degli alcolici in generale. Bisogna anzitutto fare una precisazione: i vini e i liquori, pur avendo delle modalità di conservazione molto simili  si differenziano per alcune attenzioni che è bene tenere quando si vuole conservare per molto tempo la bottiglia. Vediamo quali.

Conservare alcolici, questione di “tappo”

Esatto. Il tappo gioca un ruolo fondamentale nella conservazione dei vini e dei liquori. Tra vini e liquori, però, c’è una fondamentale differenza che interessa proprio il tappo. I vini, infatti, vanno conservati tenendo la bottiglia “distesa”. I liquido deve toccare il tappo per tenerlo sempre bagnato e garantire la perfetta tenuta dello stesso. Differente, invece, il modo di conservare gli altri alcolici. I liquori (ma i tutti i distillati in genere) vanno conservati rigorosamente “in piedi”. In questo caso il liquido contenuto all’interno della bottiglia non deve assolutamente toccare il tappo. L’alcool contenuto all’interno della bottiglia (la gradazione alcolica è superiore) potrebbe degradare in brevissimo tempo il tappo e far precipitare all’interno della bottiglia qualche pezzo, rendendo imbevibile il liquore stesso.

Questo articolo ti è piaciuto? Allora dovresti leggere anche: